You are here:-, Vetrina-Iris – agricoltura biologica dal 1978

Iris – agricoltura biologica dal 1978

Nel 1978, nove giovani, ragazze e ragazzi si uniscono ed iniziano a lavorare insieme nella pianura cremonese situata nel sud della Lombardia. Sono figli di braccianti, muratori, mungitori, manovali ed artigiani. Lo scopo iniziale è quello di lavorare la terra per la produzione di prodotti sani, senza l’uso di sostanze chimiche di sintesi, percorrendo gli insegnamenti dei loro padri, quando l’agricoltura rispettava l’ambiente, l’uomo e gli animali. Secondo i fondatori la cultura contadina doveva crescere, svilupparsi e diffondersi.

 

Nel 1984 la IRIS si fonda ufficialmente come cooperativa agricola di produzione e lavoro, come proprietà collettiva e con lo scopo di coltivare esclusivamente biologico. Quattro punti fondanti sono stati inseriti nell’oggetto sociale e sono:

  1. Praticare e diffondere la coltivazione agricola con il metodo dell’agricoltura biologica
  2. Creare occupazione in particolare femminile ed a persone svantaggiate
    3. Sviluppare il rapporto diretto con il consumatore, per diffondere la cultura contadina e il metodo di coltivazione a produzione biologiche e biodinamiche
    4. Promuovere la cultura della proprietà collettiva.

I lavori agricoli iniziano in un piccolo paese vicino alla città di Cremona in un solo ettaro di terra, con l’aiuto di Angelo Gritta bracciante agricolo e Ivo Totti tecnico agricolo precursore dell’agricoltura biologica e biodinamica, i giovani iniziano a lavorare alacremente per produrre ortaggi di stagione che vendono direttamente in azienda.
Il lavoro è duro e faticoso, “la terra è bassa”; la strada scelta è fatta di molti sacrifici e di pochi denari; in cooperativa si lavora per produrre alimenti primari di qualità, sani, ad un prezzo accessibile a tutti e per proporre attraverso la vendita diretta, la cultura contadina; il messaggio del “progetto economico Iris”.
Per migliorare la vendita dei tanti ortaggi la coop. IRIS apre due spacci agricoli nella citta di Cremona dove si svolgono molte attività culturali: sui metodi di produzione biologiche, sull’alimentazione, sull’ecologia….

 

Nel 1990 avviene una crescita importante: la cooperativa ha la volontà di svilupparsi ed allargare il progetto, decide di coinvolgere i consumatori proponendo la partecipazione al progetto IRIS come soci finanziatori, permettendo con questi risparmi di avere le basi per l’acquisto di un fondo agricolo di ettari 36.00. Il consumatore prende parte diretta nell’acquisto di un bene a proprietà collettiva e la cooperativa così prosegue nel progetto agricolo e nella diffusione dei suoi valori fondanti.
Dal 1994/96 l’azienda agricola di Calvatone comincia a divenire un punto di riferimento per chi coltiva biologico, per la continua ricerca di tecniche che perseguano il minor impatto ambientale, per i risultati produttivi soprattutto in qualità, per l’utilizzo teso al massimo risparmio dell’acqua, per la pacciamatura con carta non trattata e molto altro.
Poi la scelta di trasformare in prodotto “finito” biologico le coltivazioni agricole, porta l’Iris ad incrementare l’occupazione dei soci sempre in una un’ottica di mutualità.
S’incrementa il nostro impegno per diffondere le tecniche di coltivazione biologica e soprattutto per far crescere il rapporto diretto con il consumatore: è l’inizio dei Gruppi di Acquisto Solidali, un movimento di consumatori che vogliono avere un rapporto diretto di fiducia con i produttori.

Nel 2005 la cooperativa decide di rilevare il pastificio con cui lavorava ormai da anni, che versa in condizioni difficili e non garantisce continuità di lavoro ai dipendenti. Per questo IRIS coop. agr entra nella gestione diretta e nel 2008 rileva completamente il pastificio, mantenendo così tutti i posti di lavoro, nella persecuzione dell’oggetto sociale.

Negli anni successivi la cooperativa passa la gestione del pastificio alla sua azienda A.S.T.R.A. Bio srl, insieme le due aziende hanno cinquantatré posti di lavoro. (dato indicativo)
Il pastificio lavora a pieno ritmo e si produce esclusivamente biologico.

 

Nel 2010 ci si rende conto che si deve costruire un nuovo pastificio, quello esistente ha concezioni vecchie sia per i consumi che per la disposizione, i costi di gestione sono molto alti e poco sostenibili. Si inizia un percorso di studio per verificare la possibilità di costruire un pastificio ecologico, soprattutto per mantenere e sviluppare il progetto IRIS.

Si sviluppa nuovamente la proposta ai consumatori di diventare soci finanziatori. L’assemblea delibera l’emissione di azioni mutualistiche per sostenere la costruzione del nuovo pastificio, partecipando al progetto ormai denominato “progetto economico IRIS”.

La coop. agricola IRIS e A.S.T.R.A BIO, negli anni sono diventate aziende ben radicate nel territorio ma anche con molti soci in tutta Italia ed all’estero, essi sono coinvolti sempre in tutte le decisioni, apportano ricchezza e solidità ai principi etici e di economia solidale.

La filiera IRIS, nasce già dai primi anni quando si trasformava poco grano duro o grano tenero in pasta o farine; negli anni lo sviluppo è stato sempre crescente, i contadini e agricoltori sono diventati anche soci finanziatori, la cooperativa ha un tecnico agricolo che collabora costantemente seguendo gli agricoltori e verificandone le culture agricole. Si produce nella filiera IRIS: grano duro di altissima qualità, grani di varietà antiche, grano saraceno, farro spelta e dicoccum, grano tenero, mais con metodo biologico certificato. Questa è una grande ricchezza della cooperativa, un bene che viene condiviso fra agricoltori, soci lavoratori e dipendenti.

I punti più qualificanti:

  1. In Iris le decisioni politiche e statutarie sono solo realmente dell’assemblea
    2. Il C.d.A. gestisce solo l’attività’ ordinaria
    3. Tutti i responsabili della cooperativa sono soci, la conduzione della cooperativa non è verticistica.
    4. Gli utili della cooperativa vengono investiti negli scopi sociali.
    5. Tutti gli stipendi sono come da contratto sindacale
    6. Gli amministratori, il presidente ed i responsabili di settore non hanno stipendio aggiuntivo per le loro funzioni
    7. Ai soci lavoratori viene riconosciuta una integrazione allo stipendio con i nostri prodotti agricoli e alimentari
    8. Si privilegia il rapporto diretto con il consumatore diffondendo così i valori etici della coop.
    9. La filiera IRIS per la produzione delle materie prime è composta da contadini e agricoltori in tutta Italia, le produzioni sono seguite dal nostro tecnico agricolo e sono tutte certificate biologiche.

Crediamo che la crescita si possa gestire attraverso una gestione etica ed economica ma condivisa da tutti gli “attori” che credono nel “progetto economico Iris” sia essi soci, lavoratori o consumatori.

La cooperativa ha creato da poco la Fondazione, che ci permetterà di condividere e diffondere questo nostro modello economico.

La cooperativa agricola Iris è a produzione esclusivamente biologiche dalla sua fondazione.
È situata all’interno del Parco Naturale Oglio Sud, ricco di fauna e flora.

Nell’azienda abbiamo piantato moltissime siepi e filari di alberi per contornare i campi che coltiviamo, lasciamo i fossi di irrigazione naturalizzati, permettendo ad insetti ed anfibi di riprodursi, è facile vedere e sentire le raganelle, le rane e i rospi; vediamo volare il martin pescatore, le civette, molti uccelli popolano l’azienda. È facile incrociare la lepre, la nutria, la volpe fa il nido nei nostri campi. Una vera ricchezza, tutto questo ci aiuta nel produrre biologico.

 

LE COLTIVAZIONI VEGETALI
Le coltivazioni hanno una rotazione di 5 / 7 anni, l’indirizzo è cerealicolo orticolo.
Si coltivano: grano duro, grano tenero, farro, grano saraceno, miglio, orzo mondo, orzo distico, ortaggi da foglia, zucche, pomodoro da trasformazione e ortaggi in serra.

Pratichiamo il sovescio come concimazione: cioè seminiamo un miscuglio di semi vari che favoriscono la fissazione dell’azoto, vengono coltivati sino allo sboccio delle inflorescenze poi trinciato e interrato nei primi 20 centimetri del terreno, arricchendo il terreno di sostanza organica. Oltre a questa concimazione di base, integriamo con stallatico o concime vegetale compostato, nelle culture che sono asportatrici di azoto.

I trattamenti delle nostre culture ortive sono minimi, ma usiamo sempre la propoli su tutte le piantine di ortaggi che andiamo a piantare nel nostro terreno, questa pratica rafforza la piantina, è anche un antisettico. Le culture orticole sono fatte con pacciamatura di carta, questa pratica è stata da noi studiata, provata e messa a punto e la facciamo produrre specificatamente per il nostro utilizzo da una cartiera, si tratta di carta non trattata che a fine cultura rimane nel terreno diventando sostanza organica. L’irrigazione è fatta a goccia, con un impianto irriguo ben distribuito, le manichette cioè i tubi di irrigazione vengono riutilizzati.
In azienda agricola abbiamo predisposto un luogo per il riciclo della plastica, viene pulita e stoccata, abbiamo un contratto di ritiro con una ditta specializzata.

LA PRODUZIONE DELLA PASTA Perché è così buona…

Il Pastifico Iris di proprietà dell’omonima Cooperativa si distingue nella sua gestione perché i soci ripropongono anche nell’industria i propri ideali. Come nell’azienda agricola si devono rispettare i ritmi della terra per raccogliere ottimi frutti, così vengono rispettati i giusti tempi di lavorazione per ottenere un’ottima pasta.

Il Pastifico Iris vuole essere un punto di riferimento per chi è alla ricerca di un prodotto Biologico e di Alta Qualità. La nostra produzione si distingue per la trafilatura al bronzo che dona alla pasta un colore biancastro e ruvido al tatto, l’essiccazione lenta che rende tale processo naturale e l’utilizzo di basse temperature che aiutano la stabilizzazione della Pasta. Aprendo un pacchetto della nostra pasta si può infatti “sentire” il profumo della materia prima, questo è indice di una qualità superiore.

Nell’impianto produttivo tutto ha inizio dal ricevimento della materia prima che arriva in cisterne e viene trasferita negli appositi silos di stoccaggio. All’arrivo della materia prima vengono effettuate le prime analisi qualitative dall’Ufficio Qualità interno che è sempre presente al ricevimento della stessa per garantire la rintracciabilità del lotto di produzione. Se tali analisi hanno un esito positivo, la materia prima viene resa disponibile alla produzione che attinge quindi direttamente ai silos di stoccaggio per la lavorazione.
Il nostro primo accorgimento è nell’impasto che viene effettuato con acqua a temperatura ambiente. L’impasto viene poi trafilato per conferire alla pasta la forma desiderata. La pasta viene immessa negli essiccatoi per togliere l’umidità in eccesso; viene infine raffreddata e confezionata.

Il nostro Pastificio non si limita alla produzione della Semola di Grano Duro bianca e integrale ma varia tra le molte specialità che il ns. impianto si presta a lavorare come il Kamut®, il Farro, il Saraceno, il Senatore Capelli e le miscele come la Pasta Tricolore agli Spinaci e al Pomodoro.
Il Pastificio attuale prevede 3 linee differenti di confezionamento: Pasta Lunga, Pasta Corta e Pastina da Minestra, Pasta a Nido e a Matassa.
In ogni linea di confezionamento il prodotto viene pesato, confezionato negli imballi primari (film e/o astucci) e successivamente negli imballi secondari (cartoni), viene quindi apposta un’etichetta di riconoscimento su ogni cartone ed infine il prodotto viene pallettizzato. Ogni linea di confezionamento è dotata di metal-detector. Ogni pallet viene poi avvolto con film di nailon termo-retraibile e viene dotato delle etichette di riconoscimento “SSCC”.
Il Pastificio Iris vuole essere il connubio tra qualità, professionalità e progresso e queste sono le motivazioni che hanno spinto i soci di Iris ad investire nel progetto per la realizzazione del nuovo stabilimento produttivo in bio edilizia.

Il nuovo stabilimento che sorgerà a pochi chilometri dall’attuale pastificio, riproporrà gli stessi ideali con l’aggiunta dell’innovazione nella scelta dei macchinari che sono stati selezionati per produrre Pasta di Alta Qualità ma con un minor impatto ambientale, obbiettivo che i soci si sono posti su tutto il progetto ad ampio raggio

By |2019-12-01T21:02:53+00:00dicembre 8th, 2019|Categories: Alimentari, Vetrina|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment